Perché siamo gelosi? 6 ragioni non ovvio

Tree Cutting Kuala Lumpur! Senza una colonna Perché siamo gelosi? 6 ragioni non ovvio
0 Comments

Se i sospetti non sono gelosi di nulla, ma dà ancora al suo partner con sospetti – perché lo fa? Ed è possibile far fronte a questa difficile esperienza?

A volte la gelosia non è affatto causata dal tradimento, ma da problemi interni o benefici inconsci del geloso. La psicologa Irina Gross parla delle ragioni della gelosia “infondata” e di come affrontare.

1.Il desiderio di manipolare

Se il partner “ti ha preso” tra le braccia di un altro, la gelosia sarà ragionevole. Ma se, senza motivi oggettivi, ti fa rispondere a centinaia di domande difficili, come “dov’era? Con cui? Cosa ho fatto?”, Ti manipola semplicemente.

Facendo un reclamo, il pubblico ministero fa sentire colpevole gli accusati. E se cade sull’esca, inizia a fare scuse, rapporti, cerca di essere buoni, allora possiamo dire che la manipolazione ha funzionato.

Ma cosa c’è dietro la manipolazione? Perché è necessario? In questo modo, un partner controlla semplicemente l’altro, trasformandosi in un despota e un maestro. Il suo messaggio suona così: “Sei mio (mio)”, “appartieni a me”.

Geloso in questo caso non ha bisogno di una vera ragione, troverà cosa o a chi essere gelosi. Quando gli sembra che la sua “proprietà” sia uscita dal controllo, cerca di restituire questo controllo. Quindi nascono le relazioni tipiche del tiranno e delle vittime.

Cosa fare? Non supportare la gelosia irragionevole, non fare scuse e non prenderti la colpa su te stesso. In un ambiente calmo, prova a parlare con un partner, spiegalo che la situazione non si adatta

a te, offri di contattare uno psicologo familiare. Bene, se questo non funziona, pensa se hai bisogno di tale relazione.

Se tu stesso sei geloso, allora controlla te stesso: stai cercando di controllare l’altro e averli completamente?

2.Un senso di inferiorità

Il partner si considera inferiore in qualsiasi cosa e cerca di compensare questa inferiorità a spese di un altro. È sinceramente fiducioso che quest’altro ne faccia parte, inalienabile e inseparabile. E perderlo sarà insopportabile e persino mortale.

Se un tale partner sente di poter perdere quello che è nelle vicinanze, inizia a essere geloso. Ma dietro tale gelosia, la riluttanza è nascosta a diventare matura e indipendente, per imparare a trovare supporto in sé.

Cosa fare? Solo una cosa aiuterà qui a lasciare un geloso almeno temporaneamente e gli permetterà di capire la sua gelosia senza alcuna partecipazione. Bene, se tu stesso sei geloso, dovrai ammettere che l’unica persona su cui hai il potere sei tu. Ma non siamo in grado di gestire gli altri.

3.Disordine mentale

Costante sospetti senza fondamento, il desiderio di vedere la cospirazione in tutto: questi sono frequenti satelliti di stati paranoici, cioè possono essere segni di un disturbo mentale.

Cosa fare? Contattare uno psichiatra o uno psicoterapeuta. Una persona stessa potrebbe non essere consapevole del problema, quindi l’aiuto dei propri cari ha bisogno dell’aiuto di. Se all’improvviso sei diventato un oggetto di gelosia, ammetti che geloso non è in te stesso e tieniti a distanza di sicurezza.

4.Bassa autostima

Sei geloso perché tutto è meglio di te? Paura che il partner ne sia consapevole e se ne andrà? Le ragioni di tale gelosia sono una bassa autostima e la propria irrealizzazione.

Una persona non crede di poter essere amato, dubita di se stesso e cerca costantemente di condannare il suo partner in infedeltà. Fa stampe di conversazioni telefoniche, assunti detective, organizza indagini. Si confronta con gli altri – e sempre non a suo favore. O forse inconsciamente cerca di costringere un partner a porre fine alla relazione, perché crede – prima o poi il partner lo farà da solo.

Cosa fare? Lavora sull’autostima. Se sei geloso di te, offriti di visitare uno specialista insieme, perché è impossibile dimostrare per sempre al partner che è il migliore. Non sei uno psicoterapeuta. Se sei geloso, prova a contattare anche uno psicologo. La convinzione è utile non solo nelle relazioni personali, ma anche nel lavoro e nello studio e nell’amicizia.

5.Il desiderio di attirare l’attenzione e il riconoscimento

Tale gelosia può essere spesso osservata nei bambini quando improvvisamente diventano fratelli o sorelle maggiori e smettono di attirare l’attenzione dei loro genitori. Quindi noi, adulti, vogliamo attenzione, organizziamo scene di gelosia, in modo che veniamo notati, vidiamo, ricordiamo la nostra esistenza.

Cosa fare? I bambini ancora non sanno come esprimere apertamente e direttamente i loro bisogni. Ma non siamo bambini e siamo in grado di imparare a capire noi stessi e chiedere apertamente ai partner: “Per favore, prenditi attenzione. Resta con me, parla, abbracciami “.

6.Il desiderio di indicare i confini

A volte siamo gelosi perché il partner attraversa davvero la linea di ammissibili. Ad esempio, suo marito flirta con la tua ragazza. Sì, non c’era ancora nulla tra loro, ma gli fai sapere che il suo comportamento nella tua coppia è inaccettabile.

Cosa fare? Il modo migliore per evitare tale gelosia è concordare sulla riva, che è considerato un tradimento nella tua coppia. Per alcuni, uno sguardo a parte è già un crimine, mentre altri sono contenti di una relazione gratuita.

Non importa cosa sia dietro la gelosia, non c’è niente di buono in essa, e se ti senti sfidante nei confronti del partner, cerca di capire qual è il motivo. E capire proprio questo motivo, non la conseguenza.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *